Lungo il fiume e sull’acqua

La pareti attorno all’abitato di Tessari ospitano sicuramente molte alternative per facili e brevi salite. Non solo la facilità degli itinerari ma gli avvicinamenti ed i rientri altrettanto comodi e di breve durata offrono molte possibilità anche ai più pigri. Queste pareti, negli ultimi anni, sono infatti state prese d’assiedo in tutti i sensi: sia dal punto di vista della frequentazione che dal continuo aumentare di nuove proposte da scalare che colorano la base della parete di scritte rosse ogni 2 metri. La via che andiamo a recensire non è però di recente apertura. In compenso, recentemente, dovrebbe essere stata riattrezzata per quanto riguarda le protezioni e proposta come S1 sulle moderne recensioni cartacee.

Alla base della parete dove sale la via dovrebbe essere presente il nome completo, ma l’unica cosa che si può individuare è un rettangolo bianco. Sopra di esso, come se fosse stata incisa con le unghie, sembra di scorgere qualche riferimento alla scritta “FIUME” ma solamente le ultime 3 lettere si possono cogliere distintamente.

Dalla partenza si riescono a scorgere giusto i primi 2 spit, all’altezza circa di 8/9 metri da terra. Qui ci sale qualche dubbio se siamo sulla linea corretta ma l’immagine con il tracciato della via, che riporta il tettino subito sopra la partenza da aggirare sulla destra, non ci fa esitare più di tanto e partiamo decisi verso questa nuova avventura. Passiamo alla destra di un albero per poi rientrare al di sopra del tetto dove passiamo un paio di spit abbastanza ravvicinati tra loro. Nonostante sopra il tetto la roccia sia della migliore qualità la linea sembra suggerirci di spostarsi verso rocce più frastagliate, costringendoci a lottare tra gli alberelli e le piante presenti. Qui gli spit spariscono completamente e compare solo una timida clessidra che, portandoci ad attraversare il fogliame, ci porta ad una sosta su 2 spit da congiungere. Il grado proposto dalle recensioni è un 4a di 30 metri ma a nostro parere è almeno qualche grado in più, diciamo 5a. Contiamo le protezioni passate, 4 spit e 1 clessidra su 30 metri di tiro ci sembrano pochini per una spittatura dichiarata essere S1. Sebbene le difficoltà siano contenute, è un fattore da tenere quantomeno in considerazione se si affronta il tiro con l’intenzione di farlo provare ad aprire a persone con poca esperienza.

Il primo tiro visto dal basso, 5a.

La seconda lunghezza, dalla sosta, sembra subito cambiare marcia. Si notano subito le protezioni ben ravvicinate segno di un tiro ben protetto. Una bella placca verticale, con dei simpatici movimenti su ottima roccia, ci si sposta inizialmente verso sinistra fino alla base di un appena accennato strapiombetto. Quest’ultimo lo si supera direttamente su buone prese e si continua a salire verticalmente in placca sempre con buoni appigli. Alla fine della placca, sulla destra, si trova la sosta, su di una cengia non molto comoda, composta da 2 spit con cordone e magli rapida. 20 metri, 5b.

Marta impegnata sulla placca della seconda lunghezza, 5b.

Il terzo tiro sale obliquando di molto verso destra per le prossime 2 protezioni, leggermente distanziate tra loro. Superati i 2 alberi sopra di noi si palesa davanti a noi una bellissima placca verticale. Tanto bella quanto sprotetta. Osserviamo bene la parete ma non troviamo nessun chiodo, spit o cordone che ci indica che la direzione da prendere è quella. Girando lo sguardo verso sinistra notiamo invece, quasi per sbaglio tra gli alberi, uno spit e la successiva sosta. Peccato perchè la placca sembrava veramente bella e non troppo difficile. La via ci costringe invece ad entrare in una conca lottando ancora una volta con la vegetazione. Il nostro spirito green placa altri tipi di spiriti. Anche qui la relazione grada questo tiro 3c e 20 metri di lunghezza ma più realisticamente sarà un 4c da 15 metri.

L’alberata uscita dal terzo tiro, 4c.

La quarta e quinta lunghezza, se lunghezze si possono chiamare, offrono poche soddisfazioni: solo una placchetta appoggiata in partenza del quarto tiro. La linea poi si immerge nel boschetto dove passano alcune tracce e un sentiero che punta alla parete di fronte. Spostandosi sulla sinistra, ed entrando tra alcuni alberi, si possono notare anche una scritta in rosso di un’altra via oppure della variante “Pensieri”. 3c , 20m ,2a 20m.

La paretina prima della grande cengia boschiva, 3c.

La parete che si trova di fronte presenta una bellissima roccia lavorata e scavata, molto ben appigliata e rugosa, che offre passaggi facili ma comunque divertenti. La prima protezione anche qui si trova all’incirca a 10 metri di altezza, quella dopo ad altri 7 metri e l’ultima ancora a 7 metri dalla precedente. All’uscita della via è presente uno spit con anello. Il grado corretto per questo tiro si aggira attorno al 5a, anche se la guida lo da come 3a. 30 metri.

In uscita dalla via con la bella roccia dell’ultimo tratto, 3a.

La via nel complesso è carina, senza troppe pretese. Qualche scelta di percorso è certamente opinabile ma di certo non capiamo come possa essere stata recensita come S1 come proteggibilità ed avere cosi tanti errori di valutazione per quanto riguarda le difficoltà. Soprattutto per vie così facili un maggiore riguardo nel compilare le recensioni è d’obbligo. Persone che si avvicinano per la prima volta a queste discipline, ingolosite dalla facilità della via e dalle protezioni ravvicinate, potrebbero infatti trovarsi in situazioni spiacevoli lungo la salita. In generale non ne consigliamo la ripetizione se non agli amanti dell’avventura.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...